SCHEDA ATTIVITA'

LA STORIA DI MARIE E I SEGRETI DELLA ROCCIA CHE LUCCICA

Età 11/13 anni

Durata 60 minuti

Sintesi: presentazione delle biografie di due importanti scienziati che con le loro scoperte hanno rivoluzionato il mondo della conoscenza scientifica.  Partendo dal racconto della vita ciascun scienziato, prenderemo spunto dalle sue scoperte per realizzare un laboratorio interattivo in cui i ragazzi diverranno protagonisti con il coinvolgimento in exhibit ed esperimenti scientifici. La storia di Marie Curie ci condurrà alla scoperta dell’atomo e dei segreti della materia.

 

SOTACARBO E I RICERCATORI DALLA CO2 PERDUTA

Età: 9/11 anni

Durata: 2 ore

Sintesi: i bambini saranno coinvolti in un percorso laboratoriale con exhibit ed esperimenti che li condurranno alla scoperta delle cause dell’effetto serra e dei rimedi possibili per curare la “febbre del pianeta”. Verranno utilizzati exhibit per comprendere cos’è l’energia e come si trasforma, si svolgeranno semplici esempi che mostreranno come l’anidride carbonica è presente nel quotidiano. Con un gioco di coperte si cercherà di visualizzare il concetto di effetto serra di origine antropico. Il laboratorio si conclude con il messaggio che ognuno può fare la sua parte, rispettando delle regole di buon comportamento.

 

SCUDIMI: LABORATORIO SUI MINERALI

Età: scuola primaria e scuola secondaria di primo grado max 20 allievi

Durata: 2 ore

Sintesi: riconoscimento delle rocce e dei principali minerali estratti nella miniera di Monteponi. L’analisi macroscopica delle rocce e dei minerali viene realizzata con semplici strumenti da geologo come la piccozza, una punta metallica, l’acido cloridrico e la successiva compilazione di una scheda riassuntiva. Nella prima fase gli alunni assimilano i concetti di peso specifico, durezza, reazione con acido e la differenza tra le rocce ed i minerali con degli esempi pratici. Applicazione poi di tali concetti attraverso delle prove empiriche sui diversi campioni messi a loro disposizione. Per esclusione e con un certo grado di autonomia si passerà ad individuare i nomi dei minerali presi in esame. La conoscenza acquisita è determinante per la comprensione delle tecniche di lavorazione utilizzate nelle vecchie laverie meccaniche, in particolar modo il sistema idrogravimetrico o a crivelli. Il metodo viene riprodotto con l’ausilio di un setaccio da laboratorio contenente della galena e della calcite frantumate e un secchio pieno d’acqua. Ogni alunno immerge il setaccio nell’acqua fino ad una parziale separazione dei due minerali che avviene grazie al differente peso specifico.

 

BEBA RASTELLI: CHE COS’E’ IL PUNTO? UNA FINE O UN INIZIO?

Età: docenti ed educatori

Durata: 3 incontri da 2 ore

Sintesi: Il corso intende promuovere esperienze e conoscenze a partire da queste domande: cos’è il punto? Come si trasforma il punto-seme? Si prosegue con l’esplorazione del punto e del punto-seme fino alla crescita del fiore e dell’albero indagando come è fatto un fiore e come ramifica un albero. Attraverso l’esperienza del fare per capire i partecipanti al corso potranno scoprire le innumerevoli potenzialità espressive e comunicative di un semplice punto, scoprire gli elementi costitutivi del fiore, e come si disegna e costruisce un albero. Aiutiamo i bambini a esprimersi creativamente e a liberarsi dagli stereotipi. Aiutiamoli a diventare più sensibili, a costruire e reinventare da soli il loro mondo! Un bambino creativo è un bambino felice, soleva ripetere Bruno Munari. Il metodo Bruno Munari, vicino ai principi della pedagogia attiva, si basa sul fare: conoscenza e apprendimento nascono dall’esperienza, dalla sperimentazione e dal riflettere, secondo il metodo scientifico.

 

UN BOSCO DI CARTA

Età: scuola primaria

Durata: 90 minuti

Sintesi: costruire un bosco di carta utilizzando il metodo Munari. Laboratorio tattile.

 

NEL BOSCO CON HANSEL E GRETEL

Età: 4/8 anni

Durata: 90 MINUTI

Le attività proposte, collocate nel macro-contesto narrativo di sfondo, sollecitano ‒ simultaneamente e in modo ludico ‒ l’attivazione di competenze nel campo della geografia, della comprensione linguistica e dell’orientamento spaziale.

 

EINSTEIN, ERRORI E ILLUSIONI

Età: 12/13 anni

Durata: 60 minuti

Sintesi: partendo dal racconto della vita e delle scoperte del più celebre scienziato di tutti i tempi, scopriamo l’importanza degli errori nella ricerca e nell’apprendimento e giochiamo con gli inganni delle nostre percezioni.

 

CIRCUITI DI PASTA

Età: 3/6 anni

Durata:

Sintesi: Hai voglia di provare a giocare (in modo sicuro!) con l'elettronica? Se non conosci ancora makey e circuiti morbidi vieni a scoprire quanto possono essere divertenti! Troverai tanti amici con la tua stessa passione e voglia di sperimentare! Ti aspettiamo!!

MATERIALI NECESSARI: Porta con te:
un genitore (molto importante: dovrà stare con te per la durata dell'incontro!)
una merenda
se vuoi puoi portare una banana o una carota, diventerà la nota di un pianoforte
se vuoi puoi portare un pezzo di Didò, diventerà parte di un circuito!

 

A SCUOLA CON ARDUINO

Età: 7/14 anni

Durata:

Sintesi: Il laboratorio si compone di 3 progetti realizzati con la scheda Genuino, #Arduino, "OTTO ROBOT", un piccolo robottino programmabile, con pezzi stampati in 3d e sensori di distanza come occhi;

PLOTCLOCK, un plotter autocostruito che scrive l'orario continuamente;

GUANTO MIDIcon le dita della mano è possibile fare musica!!

Si faranno esercizi e dimostrazione di programmazione.

 

PLAY DECIDE: COSA SCEGLI PER IL TUO FUTURO?

Età: scuola secondaria secondo grado

Durata: 3 ore

Otto o nove personaggi intorno a un tavolo, fatti da esaminare e problemi da risolvere. Quando esce dai laboratori ed entra nelle vita di tutti i giorni la scienza ti coinvolge, ha bisogno della tua opinione. Puoi far finta di niente o partecipare alle scelte. Ma prima di decidere da che parte stai occorre confrontarsi e capire. Play decide è un gioco e allo stesso tempo una strategia di comunicazione e di democrazia partecipata varata dall’Unione Europea per stimolare i cittadini a interessarsi ai temi più controversi del dibattito scientifico.

HIV/AIDS non c’è più rischio? – Da alcuni anni di virus e HIV, rischio contagio e sviluppo della malattia quasi non se ne parla più. Come se l’argomento fosse “Passato di moda”. Le cure hanno fatto progressi ma in realtà il contagio non si è mai arrestato, anzi in alcuni ambiti della società è addirittura aumentato, aprendo una serie di riflessioni sulle rilevanze penali del comportamento superficiale di chi, portatore di HIV, trasmette il virus a persone sane.

 

CONFERENZA PIROBAZIA

Età: scuola secondaria di secondo grado

Durata: 1 ora la conferenza più la prova pratica

L’evento-conferenza sarà guidato da Stefano Bagnasco (fisico INFN, socio effettivo del CICAP) e Andrea Vico (giornalista scientifico). E’ tassativo che l’evento sia programmato la sera e che la prova di pirobazia avvenga col buio. Altresì si chiarisce fin d’ora che saranno esclusivamente Bagnasco e Vico a valutare le condizioni meteo della serata: l’evento è possibile in sicurezza solo se è sufficientemente fresco e senza vento; senza le ideali condizioni meteo e senza il pieno rispetto delle indicazioni riportate dalla scheda tecnica, Bagnasco e Vico si riservano di annullare l’evento. Servirà infine predisporre una liberatoria (in allegato), in cui chi partecipa dichiara di aver ben compreso le modalità dell’evento e ne accetta le condizioni. L’evento si svolge in due momenti. In una sala conferenze Bagnasco e Vico faranno una introduzione sulle pseudoscienze e sulla storia/tecnica della pirobazia, con riferimenti all’antropologia, alla psicologia, alla fisica e alla fisiologia umana.

Obiettivo: chiarire da più strade che per camminare sulle braci NON servono poteri paranormali. Quindi si passa alla dimostrazione pratica, in un luogo apposito si effettuerà una camminata sulle braci e chiunque del pubblico potrà provare.

 

FISICA SOGNANTE

Età: scuola secondaria

Durata: 60 minuti

Fisica Sognante, conferenza-spettacolo nata e pensata per presentare la fisica a chi non la conosce in maniera nuova e divertente ma al tempo stesso rigorosa, dopo dieci anni è oggi tanto, molto di più.

Su un palcoscenico abbastanza spoglio (due tavoli, pochi oggetti da giocoliere ed un pc) un professore-giocoliere-attore mette in evidenza i collegamenti che ci sono tra fisica e giocoleria alternando esibizioni tecniche di alto livello e coreografate a spiegazioni scientifiche immediate e leggere, monologhi teatrali ad improvvisazioni, video ad immagini animate. I tanti esempi presi dalla vita comune ma fuori dall’ordinario, la ricerca sulla parola, lo studio sulla brevità delle dimostrazioni e dei ragionamenti e la grandissima energia del personaggio rendono la conferenza-spettacolo leggera e divertente ma al tempo stesso estremamente formativa, densa, immediata e comprensibile.

Con piccole ma significative differenze su tempi, registri comunicativi e contenuti (che dipendono dal pubblico a cui è rivolta) Fisica Sognante mette in parallelo i contenuti più importanti della meccanica agli attrezzi più famosi della giocoleria rispondendo a domande disciplinari e non: come è possibile che un giocoliere possa…? Cosa si intende in fisica per…? Perché esistono certi limiti? Come l’essere tale della natura condiziona l’agire? Cosa vuol dire modellizzare? Cosa si intende per rappresentare? Cos’è il metodo scientifico? E ancora: cosa vuol dire fare arte e come le leggi della fisica l’influenzano? Cosa vuol dire studiare/allenarsi davvero? Quante diverse sfaccettature esistono dell’intelligenza (intelligenze multiple) e come posso svilupparli tutti? A che pro? Come la scuola può aiutarmi in questo?

Nel dettaglio gli attrezzi usati sono palline, clave, cerchi, mattoni da giocoliere, monociclo e diablo, mentre i contenuti disciplinari sono l’equilibrio, il moto parabolico, la caduta libera, la rappresentazione matematica, le leve, la modellizzazione, l’attrito, il moto nei fluidi ed i principi di conservazione.

 

Il Giocoliere della Scienza

Età: tutte le età

Durata: 60 minuti

La giocoleria è una antica arte circense fatta di fantasia, estro, tecnica. La fisica è una disciplina scientifica che cerca di descrivere il mondo con la matematica. Due realtà lontane, apparentemente.

Ne Il giocoliere della scienza uno scienziato un po’ svitato mette in evidenza i molteplici collegamenti tra i due mondi, piccoli e grandi segreti che millanta di aver scoperto, alternando divertenti monologhi teatrali di stampo divulgativo a esibizioni tecniche di altissimo livello, travolgendo il pubblico con la sua energia e la sua parlantina e portandolo a capire quanto si celi dietro alle apparenze.

Continuamente in bilico tra lezione e spettacolo, questo buffo personaggio, giocando con palline di varie dimensioni, camminando su globi da equilibrismo e facendo roteare diablo da giocoliere, riesce a far capire al pubblico cosa voglia dire rappresentare, estrapolare leggi da regolarità per arrivare a predire comportamenti, lavorare assecondando le leggi della fisica per creare qualcosa di artisticamente bello.

Divertente, energico, istruttivo, interessante, sorprendente ma al contempo rigoroso, il giocoliere della scienza è stato pensato per avvicinare alla fisica i bambini delle scuole elementari, ma è adattissimo ad un pubblico di tutte le età.

Per quanto riguarda le esigenze tecniche si richiede un videoproiettore ed una parete su cui proiettare, una illuminazione che permetta di vedere sia le proiezioni che gli oggetti lanciati sul palco, una cattedra ed una sedia… mentre per quanto riguarda l’amplificazione audio potrebbe non servire. Ma ne esiste anche una versione “da strada” che non fa uso di proiezioni.

 

I GIOCATTOLI DELLA SCATOLA DI EINSTEIN

Età: scuola primaria

Durata: 60 minuti

Sintesi: lo spettacolo didattico presenta il contenuto della Scatola di Einstein ovvero giocattoli e oggetti con i quali si può studiare la scienza, e in particolare la fisica, divertendosi. Osservare, ragionare, sperimentare, stupirsi e imparare sono gli elementi che accompagnano tutta la presentazione che si basa sull’utilizzo di giocattoli e di semplici esperienze.

 

CANTIERE NURAGICO

Età: dagli 8 anni in su

Laboratorio itinerante de “Il cantiere nuragico” approda presso l’isola di Sant’Antioco. Un’attività ludica e didattica per apprendere la storia e l’archeologia della Sardegna e del suo simbolo. Suddivisi in squadre di operai, costruiranno il modello di un vero nuraghe in tre dimensioni, come fossero in un vero e proprio cantiere.

 

ANIMARE LE FIABE

Età: 6/10 anni max 15 partecipanti

Durata: 2 ore

Sintesi: Picccolo laboratorio di animazione teatrale ed espressività corporea. 

Il laboratorio  di animazione teatrale ed espressione corporea  proposto si pone come obiettivo quello di far sperimentare ai piccoli partecipanti, attraverso la narrazione collettiva e la drammatizzazione del racconto, emozioni, sensazioni, pensieri e la loro traduzione in un linguaggio corporeo, in un clima di reciproca accettazione e di gioco.


I partecipanti sperimenteranno l’interpretazione dei ruoli, lo stimolo dell’immaginazione e della creatività personale e relazionale.

IL SOLE IN CASA

Casa ecologica – saranno coinvolti 15 partecipanti a sessione

Durata: 30 minuti per sessione

Sessione 1 -

Sessione 2 -

Sessione 3 -

Attraverso un modellino di una casa ecologica i visitatori potranno scoprire gli elementi che la compongono e i meccanismi di funzionamento. Gli educatori illustreranno il modellino la sua importanza e le sue componenti, dai pannelli solari all’impianto eolico, dall’impianto di desalinizzazione dell’acqua al motore elettrico

Macchina a idrogeno – saranno coinvolti 15 partecipanti a sessione

Durata: 30 minuti per sessione

Sessione 1 -

Sessione 2 -

Sessione 3 –

Ai partecipanti sarà illustrato un ciclo dell’acqua attraverso un modellino di macchina a idrogeno. Attraverso il meccanismo del modellino, con l’ausilio dell’energia solare, l’acqua sarà separata in idrogeno e ossigeno, ottenendo una scorta di energia. Il successivo incontro tra idrogeno e ossigeno produrrà l’energia necessaria, per far muovere l’auto, ottenendo come unico scarto il vapore acqueo.